Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 01 luglio 2022    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

05 Maggio 2022
Politeama: Il muro di Napoli. Con Savoia e Ferreri tra russi e americani nel ‘43
di Stefania Castella



Politeama: Il muro di Napoli. Con Savoia e Ferreri tra russi e americani nel ‘43
Il Muro di Napoli. al Teatro Politeama

  

In anteprima il 12 maggio lo spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Giovanni Calvino e Giovanni Parisi

 

In una Napoli provata dalle Quattro Giornate irrompono anche i russi pronti ad alzare un muro che la divida in due. Debutta al Teatro Politeama di Napoli (Via Monte di Dio 80) lo spettacolo “Il Muro di Napoli” con Gigi Savoia e Gianni Ferreri, in anteprima giovedì 12 maggio 2022 alle ore 21.

 

Tratto dal romanzo omonimo di Giovanni Calvino e Giovanni Parisi, edito da Homo Scrivens. Adattamento e Regia di Roberto Pappalardo, la commedia è ambientata nel 1943 subito dopo la cacciata dei tedeschi e l’arrivo degli americani. Nella finzione scenica, sopraggiungono per l’appunto anche i russi con la loro bizzarra idea. Dal diffondersi di questa notizia si susseguono situazioni comiche, grottesche, drammatiche, che accompagnano lo spettatore in un vortice di emozioni, fino ad arrivare alle viscere della Napoli sotterranea dei ricoveri di guerra e delle anime pezzentelle. Insieme a Gigi Savoia e Gianni Ferreri, in scena anche Patrizia Di Martino, Marianita Carfora, Roberto Pappalardo e Dalal Suleiman. Le musiche originali sono di Mariano Bellopede, la scenografia è di Laura Simonet, i costumi sono di Francesca Colica, il progetto grafico è a cura di Mariano Ferreri.

Lo spettacolo è coprodotto da Teatro Augusteo e Associazione Libra Produzioni con Nuovo IMAIE.

 

Napoli, 30 settembre 1943. È l’ultima delle Quattro giornate di Napoli. Alfonso Carotenuto, anziano professore di filosofia, comunista e fervente antifascista, raccoglie tutte le sue forze e, nonostante la cataratta e i suoi malanni fisici, decide di scendere in piazza a combattere i tedeschi in fuga. Con lui c’è Salvatore Borrelli, un tempo bidello della sua scuola, adesso custode del palazzo in cui abita. Cacciati i tedeschi, Vincenzo, il figlio di Alfonso, di ritorno dalla campagna di Russia, viene arrestato in compagnia di alcuni soldati sovietici. Si sparge la notizia che, oltre agli americani, siano entrati a Napoli anche le truppe dell’Armata rossa. La notizia diventa virale, tutti ormai temono la costruzione di un muro che dividerà la città in due zone di influenza: a nord i russi, a sud gli americani. Sofia, la figlia di Alfonso; Filomena, sua cognata; e a modo suo Salvatore, cercano di nascondere una tragica verità al professore, che riguarda il vero motivo del ritorno di Vincenzo. A rendere ancora più complicata la situazione è Assuntina, la fidanzata di Vincenzo, che nel frattempo è costretta a fare la ‘signorina’.

 

Ticket al botteghino Augusteo, rivendite autorizzate o su teatropoliteama.it

 

(Poltrona o palco: 10,00 euro). Info: 081414243.








  Altre in "Teatro"