Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 25 giugno 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

28 Febbraio 2024
La Traviata dal Sicilia Classica Festival al Politeama di Napoli
di Stefania Castella


La Traviata dal Sicilia Classica Festival al Politeama di Napoli

Al Politeama di Napoli (Via Monte di Dio 80), domenica 21 aprile alle ore 18 sarà in scena “La Traviata” del Sicilia Classica Festival, con la regia di Lorenzo Lenzi e un cast di calibro internazionale. Lo spettacolo, particolare e senza filtri, ha già registrato diversi sold out e animato le riflessioni di critica e pubblico. Al riguardo, queste le parole di Nuccio Anselmo, direttore artistico di Sicilia Classica Festival: “Siamo molto felici di approdare in uno dei più importanti teatri di Napoli con una recita che invito tutti a vedere, sia perché i cantanti sono nomi noti al pubblico internazionale per bravura e carisma, sia per le particolari scelte registiche che raccontano la società parigina del 1850 senza filtri. Un periodo storico in cui oltre il romanticismo esisteva anche lo squallore di una società che comprava divertimenti, amore e persone”.

 

Il richiamo all’allure ottocentesco, più simbolico che realista, avverrà attraverso una serie di dipinti proiettati sul fondo della scena. Le tematiche del primo e secondo atto si riscontrano nelle categorie pittoriche delle nature vive e del nudo artistico: un esempio per tutti, la scena neoclassica della campagna, in cui il Cesto di fiori di Delacroix si unisce a un trio di statue viventi che omaggiano le Grazie del Canova, simboleggiando una quotidianità stucchevolmente perfetta e destinata a crollare. Mentre il terzo atto evidenzia, attraverso le nature morte, il concetto della Vanitas e della caducità della vita. Protagonisti in scena il soprano Desirée Rancatore, nel ruolo di Violetta; il tenore Francesco Castoro, nel ruolo di Alfredo Germont; e il baritono Giovanni Palminteri, nel ruolo di Giorgio Germont. Tutti noti per spiccate capacità vocali e sceniche. Di alto livello anche gli altri cantanti: Gabriella Aleo, in Flora Bervoix; Francesco Ciprì, in Gastone; Francesco Cascione, nel ruolo del Barone Douphol; Maria Mellace, in Annina; Alex Franzò, nel ruolo del Marchese D’Obigny; Angelo Michele Mazza, nel ruolo del Dottor Grenvil.

 

Francesco Di Mauro dirige l’Orchestra e il Coro del Sicilia Classica Festival.

 

Scene del Sicilia Classica Festival, costumi di Fabrizio Buttiglieri, coreografie di Stefania Cotroneo.

 

 

 

Settori e prezzi: poltronissima Gold euro 66.00; poltrona euro 55.00; palco I livello euro 49.50; palco II livello euro 44.00; palco III livello euro 33.00. Biglietti al botteghino del teatro Augusteo, presso le rivendite autorizzate, alla biglietteria del Politeama da un’ora prima dello spettacolo (salvo disponibilità) e online: https://www.bigliettoveloce.it/spettacolo?id=6383








  Altre in "Teatro"