Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 16 luglio 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - MusicaAlice de Carli Enrico

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

22 Marzo 2024
Il debutto del Barbican Quartet a Lingotto Giovani
di Alice de Carli Enrico


Il debutto del Barbican Quartet a Lingotto GiovaniTORINO – Si è tenuto mercoledì scorso il debutto del Barbican Quartet presso la Sala 500 del Lingotto. I quattro talentuosi strumentisti hanno presentato un programma di particolare interesse per gli appassionati, che hanno accolto l’invito di Lingotto Giovani per questo evento e gremito la sala.

La serata si è aperta con l’esecuzione delle 5 fughe dal Clavicembalo ben temperato di Bach KV 405trascritte per questo organico da Mozart. Una selezione che offre l’opportunità unica di apprezzare l’incontro tra due giganti della musica classica e che rappresenta il frutto di un periodo in cui Mozart, allora venticinquenne, aveva cominciato a conoscere meglio la musica di Bach e Haendel e a studiarla attraverso un’attenta attività di lettura, riscrittura e sperimentazione.

A seguire, l’ensemble ha proposto il Quartetto per archi n. 15 in la minore op. 132 di Beethoven, composto nel 1825 e appartenente all’ultimo periodo di produzione del compositore. Quest’opera, commissionata alla fine del 1822 dal principe Nikolay Borisovich Galitzin, mecenate russo e violoncellista discreto, nonché grande ammiratore di Beethoven, fu composta a seguito di un lungo periodo di malattia. Per questo, il terzo movimento, la cui nota di apertura riporta Canzona di ringraziamento offerta alla divinità da un guarito, in modo lidico, viene da taluni considerato come l’espressione di un percorso volto a descrivere il passaggio dallo stato di dolore e malinconia tipico del malato a quello di gioia e gratitudine che caratterizza invece la guarigione.

In conclusione, per omaggiare il pubblico con un ultimo brano, la scelta è ricaduta su Wenn ich ein Vöglein wär (Se fossi un uccellino), di Robert Shumann.

L’emsemble, fondato nel 2014 presso la Guildhall School of Music and Drama di Londra, si è affermato rapidamente sulla scena musicale internazionale, raccogliendo in pochi anni moltissimi riconoscimenti internazionali, il più recente dei quali il Primo premio all’ARD Internationa Competition di Monaco di Baviera nel 2022.

Composto da Cristoph Slenczka alla viola, Yoanna Prodanova al violoncello e Amarins Wierdsma e Kate Maloney ai violini, il Barbican Quartet ha saputo regalato al pubblico del Lingotto una serata musicale intensa e di alto livello, frutto di una particolare sensibilità e di un grande affiatamento.

Il prossimo appuntamento con Lingotto Giovani sarà martedì 9 aprile con il giovane pianista viennese Lukas Sternath e un programma dedicato alle musiche di Liszt e Schumann.

 
 
 







  Altre in "Musica"