Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 25 giugno 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

TravelFrancesco Pisani

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

21 Dicembre 2023
eicma 2023
di Francesco Pisani



eicma 2023
eicma23

Anche quest’anno abbiamo partecipato a EICMA che, per chi non lo sapesse, è forse il più grande salone dedicato al motociclo in Europa.

Partiamo col dire che alcuni grandi brand come BMW hanno deciso alcuni anni fa di non partecipare più a questo evento. Ma tolto questo dettaglio il salone rimane un punto di riferimento per la maggior parte delle case produttrici di moto e scooter.

In questo evento si concentrano sempre diverse prime mondiali. Da Piaggio a Benelli per continuare con Honda e Yamaha. Ognuno di questi brand ha portato le proprie novità. Non mancava certo Ducati che ha schierato tutto il proprio arsenale di moto da corsa ivi compresa la campione del mondo di motogp. Belle anzi bellissime nella livrea gialla e non rossa come lo scorso anno.

Yamaha ha portato varie novità tra cui anche l’immortale tmax anche a se, a dire la verità, non abbiamo capito le differenze con quello dell’anno prima.

Benelli sull’onda del successo che ormai la vede protagonista da anni, ha portato divrse novità tra cui la nuova trx. Una moto che ha saputo affermarsi per il rapporto tra qualità tecniche e prezzo e che non smette di raccogliere consensi anche commerciali.

Honda nel suo stand imponente, ha portato la nuova CBR 600. Un mito delle 2 ruote e che continua a migliorarsi negli anni.

Piaggio ha portato la immancabile Vespa e i suoi veicoli a 3 ruote oltre alla schiera di mezzi sempre tra i più venduti in Italia ed in Europa.

Una piccola nota proprio sui veicoli a 3 e 4 ruote. Anche Kimco ha portato un aggiornamento del proprio 3 ruote. E lo ha fatto anche la Yamaha. Dobbiamo registrare per il secondo anno consecutivo, la sparizione dei veicoli a marchio Qooder. Casa che aveva puntato tutto proprio su questo nuovo concetto di mobilità fatto di sicurezza e facilità di guida per tutti.

Non so voi ma io ho sempre pensato che questi veicoli avrebbero rappresentato una fetta sempre più grande nel panorama degli scooter. Invece sembra che chi ama le 2 ruote non sia interessato ad un veicolo più stabile e più sicuro magari sul bagnato o in inverno.

Passo a voi la palla per farci sapere come mai questo accade.

Infine un focus sull’elettrico: da anni ormai i veicoli a batteria si stanno allargando. Prima con una piccola quota e poi via via sempre più. E questo sta accandendo non solo nel mondo delle 2 ruote ma anche e forse di più in quello delle auto. Ciò che ci ha stupito, però, è che quest’anno la parte del leone l’hanno fatta proprio i veicoli elettrici. A nostro avviso anche troppo. E lo stesso possiamo dire dei partecipanti cinesi e dei loro prodotti. Prima erano tanto presenti a livello di fornitori e quindi di indotto ma quest’anno la loro presenza è risultata davvero forte con stand di dimensioni ragguardevoli e con veicoli di ogni tipo.

Forse questo ci ha lasciati un po’ scioccati dato che abbiamo sempre pensato ad Eicma come al faro della mobilità europea, alla vetrina per i nostri costruttori e non al paradiso dei cinesi.

 








  Altre in "Travel"