Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 18 maggio 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

18 Maggio 2023
Doppio anniversario ad Olgiate Olona per i 50 anni si MA.Ri.NA e i 30 anni da giornalista di Edoardo Raspelli
di Stefania Castella



Doppio anniversario ad Olgiate Olona per i 50 anni si MA.Ri.NA e i 30 anni da giornalista di Edoardo Raspelli
P.Possoni E. Raspelli

 

50 ANNI: DI MA.RI.NA, LA GRANDE CUCINA DI MARE,

E DI EDOARDO RASPELLI DA GIORNALISTA PROFESSIONISTA

 

 

Era un giovedì, esattamente il 17 maggio 1973: nasceva il ristorante Ma.Ri.Na, da una famiglia che per necessità di cercare un futuro migliore si erano trasferiti dalla Bassa Bergamasca (il territorio dell’Albero degli Zoccoli: Martinengo, Romano di Lombardia…) ad un paese della pianura Padana, in provincia di Varese, e precisamente ad Olgiate Olona. Nonna Carolina e nonno Angelo, con i figli Marisa, Rita, Anna e Pino, iniziarono così un lungo cammino ...

Oggi abbiamo davanti un grande ristorante mandato avanti da un piccolo ma super affiatato gruppetto. Fino a pochi mesi fa il re della sala era Pino Possoni, recentemente scomparso, che con entusiasmo trascinante raccontava i piatti della grandissima cuoca, la sorella Rita. Oggi ai fornelli Rita Possoni è affiancata da Alessandro Ganci, Gianluca Ganci, Giorgio Bertani e Gioele Benetti.

La sala è guidata dal figlio di Rita Possoni, Giorgio Rampinini; accanto a lui il sommelier Marius Dumitru, Barbara Bertani, Angela Fois e Nicole Bodini.

Sono passati 50 anni e di strada ne ha fatta questa osteria di paese, fino a diventare un punto di riferimento della cucina di pesce nel nostro Paese: dal 1997 ha 1 Stella Michelin “ma ne vale almeno 2 -dice Edoardo Raspelli- Oltre tutto io le assegno ben 18/20…”.

Per questo, per celebrare i primi 50 anni, si è deciso di festeggiarlo con gli amici di sempre, con chi ha aiutato il ristorante a crescere in questi anni, in particolare i fornitori, produttori che con il tempo sono diventati amici.

Da MA.RI.NA si festeggerà anche un altro anniversario, quello di Edoardo Raspelli: anche lui ha tagliato un traguardo importante perché quello stesso giorno, quel giovedì 17 maggio del 1973, divenne giornalista professionista superando, a Roma, anche gli orali dell’ Ordine davanti ad una commissione presieduta dallo scrittore e giornalista Mosca, Giovanni Mosca... 50 anni di storia gastronomica e 50 anni di giornalismo che si è deciso di festeggiare in contemporanea, la sera di mercoledì 17 maggio 2023 proprio al ristorante MA.RI.NA con una cena che ripercorrerà le tappe importanti del viaggio, della storia gastronomica del ristorante riproponendo piatti iconici di allora fino ad oggi...

Anche il comune di Olgiate Olona si congratulerà con il ristorante MA.RI.NA con la presenza, tra gli altri, del sindaco Giovanni Montano.

La serata è stata ideata ed organizzata dalla Ninfa Rocca Agenzia Eventi che ha anche depositato il marchio P.R.E.G.I. Partecipazioni Regionali Eccellenze Gastronomiche Italiane.

Partecipazioni particolari quelle di Gorgonzola ANGELO BARUFFALDI 1874 (di Castellazzo Novarese) “il più buon gorgonzola del mondo”- ha scritto Edoardo Raspelli- e della S.P. spa Alessandro Ceriani, grandi produttori di riso.

La serata sarà condotta dallo stesso Edoardo Raspelli con Francesca Buonaccorso.

 

IL MENU DELLA SERATA DI

MERCOLEDÌ 17 MAGGIO

 

-Passatina di pomodoro e fragola con mazzancolle marinate olio Lu Trappitu e pepe nero (piatto ideato nel 2000)

Salmone marinato in sale zucchero e aneto (piatto ideato nel 1987)

Tonno crudo con pomodorini Tomberry e il loro succo (2010)

Aragostella cruda con emulsione di pomodoro capperi ed Aceto Balsamico di Modena I.G.P. (1996)

 

-Risotto ai frutti di mare (1985)

 

-Polpo con semi di papavero cipollotto e polenta di ceci (1993)

Moro oceanico con maionese allo yuzu salsa PIL PIL ed estrazione di foglia di alloro (2023)

 

-Gorgonzola Baruffaldi con fico caramellato (2018)

Zabaione con fragoline di bosco e gelato home made (1982)

 

CHI È ?

BARUFFALDI

La Baruffaldi nasce come attività artigianale all’inizio del secolo scorso, quando il bisnonno Angelo, proveniente dalla Valsassina, decise di stabilirsi in provincia di Novara, zona vocata alla produzione di Gorgonzola. Grazie all’esperienza maturata in oltre 100 anni di attività, (oggi c’è la quarta generazione con Rocco, Maria Teresa e Paolo) ed all’impulso dato dal papà Angelo negli anni ‘60 e ‘70, l’azienda ha raggiunto un costante sviluppo, fino a divenire un’ importante realtà nel settore caseario, specialmente nella produzione di Gorgonzola a Denominazione di Origine Protetta, conservando e mantenendo le caratteristiche iniziali di impresa artigianale ad elevato standard qualitativo.

I punti di forza nella produzione di Gorgonzola DOP sono la selezione del latte e delle materie prime, la lavorazione manuale, la stagionatura tradizionale su tavole di legno con sistema di refrigerazione statico. La Baruffaldi è inoltre produttrice di mascarpone tradizionale utilizzato nella preparazione di Gorgonzola stratificato al Mascarpone, specialità casearia apprezzata in particolare sui mercati esteri.

Nel corso degli anni l' azienda è stata rinnovata nelle strutture e nelle attrezzature. L’ultimo significativo intervento risale al 2018 con l’inserimento del nuovo reparto dedicato alla prodotti preconfezionati e l’ampliamento degli uffici amministrativi e commerciali. In avvio un ulteriore e significativo intervento di riqualificazione ed ampliamento dei reparti produttivi e di stagionatura per un totale di oltre 2300 metri quadrati, a Castellazzo Novarese (Novara). La produzione attuale è di circa 160.000 forme di Gorgonzola DOP all’anno e 450 tonnellate di panna italiana trasformata. Il fatturato 2022 si attesta a circa 20 milioni di euro; le maestranze hanno raggiunto le 60 unità.

I mercati principali sono quello italiano con circa il 60% delle vendite, le quali sono destinate all' 80% a DO (Distribuzione Organizzata), mentre il resto viene assorbito dalla GDO (Grande Distribuzione Organizzata). Il restante 40% è occupato dai mercati Europei, (Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi…), dell’ Estremo Oriente e Stati Uniti.

Il ristorante MARINA ha creato con un prodotto Baruffaldi un semplice ma ghiottissimo, imperdibile dessert: fichi caramellati e Gorgonzola.

 

CHI È ?

S.P. s.p.a. Alessandro Ceriani

 

S.P. S.p.A. Alessandro Ceriani è un’azienda localizzata nel distretto risicolo d’eccellenza, il vercellese, esattamente a Stroppiana, con una produzione dedicata al mercato globale. Il suo core business (con un valore della produzione che si attesta intorno ai 60 milioni di euro) è la lavorazione e vendita di riso sfuso e confezionato per conto terzi e la commercializzazione di proprie linee di prodotto.

 

I clienti di S.P. appartengono sia all’industria internazionale del settore food sia a quella alimentare Italiana. Con un continuo ammodernamento degli impianti e un team professionale altamente specializzato, S.P. ha saputo precorrere i tempi e diventare uno dei leader nel proprio settore, annoverando tra i propri clienti i grandi player a livello internazionale ed i più importanti nomi dell’industria alimentare italiana.

 

S.P. ha sviluppato una nuova brand identity per valorizzare le proprie lavorazioni e le linee gourmet, classiche, etniche e del riso giapponese per sushi e per i risotti preparati con l’aggiunta di soli ingredienti naturali (linee “Io chef”).

Dopo gli investimenti recenti effettuati in impianti ad alta capacità ed innovativi si è arrivati ad una capacità produttiva su due siti (circa 50.000 mq) di oltre 180.000 tonnellate annue.

 

Link video istituzionale https://www.youtube.com/watch?v=xb7jFSkQMLw

 

 

EDOARDO RASPELLI

curriculum 1-5-2023

 

Classe 1949, ha scritto il suo primo articolo a 15 anni. A venti ha esordito sul Corriere della Sera, a 22 anni (lunedì 26 luglio 1971) venne assunto da Giovanni Spadolini alla cronaca dell’edizione del pomeriggio, il Corriere d’Informazione, dove seguì tutti i terribili Anni di Piombo: l’assassinio di Simonetta Ferrero all’Università Cattolica fu proprio nel suo primo giorno di lavoro.

Il 17 maggio del 1972 è il primo giornalista ad arrivare in via Cherubini 9, a Milano, dove Sofri Bompressi e Pietrostefani uccidono il commissario Luigi Calabresi.

Esattamente un anno dopo, il 17 maggio del 1973, mentre (in occasione dello scoprimento in Questura di una lapide in ricordo dell’omicidio) Gianfranco Bertoli fa strage mirando al capo del Governo, Edoardo Raspelli, a Roma, davanti ad una commissione dell’Ordine dei Giornalisti presieduta da Mosca, lo scrittore Giovanni Mosca, diventa giornalista professionista.

 

Nel 1975, su ordine del direttore, Cesare Lanza crea la prima pagina dei ristoranti, in pratica inventando per l’ Italia la vera critica gastronomica che, nel 1996, sul quotidiano di Torino La Stampa, estende anche agli alberghi.

 

E’ stato tra i fondatori nel 1978 (e per cinque anni, 1996-2001, curatore) della Guida dell’Espresso nonché responsabile dei ristoranti del Gambero Rosso quando era ancora supplemento del quotidiano comunista Il Manifesto.

Ogni giovedì la sua recensione sui ristoranti appare sul portale ilgusto.it e su 13 quotidiani collegati: i nazionali La Stampa, La Repubblica, Il Secolo XIX e su dieci quotidiani locali.

La sua firma appare anche sul quindicinale Ora e sul suo mensile digitale gratuito, RASPELLIMAGAZINE.

 

In tv ha esordito nel 1984 a RAI2 come consulente (e poi come conduttore) del talk show consumeristico ”Che fai, mangi?” e poi ha condotto con Carla Urban, il programma quotidiano di educazione alimentare" Star bene a tavola".

 

Ha collaborato anche alla rubrica EAT PARADE del TG2 (conduttore Bruno Gambacorta, direttore Clemente Mimun).

Nel 1990-1991 è stato tra i conduttori di Piacere RAI1 con Simona Marchini, Piero Badaloni, Toto Cutugno e Stàffan de Mistura.

Nel 1999 ha partecipato, in prima serata, alla domenica, su RAI 2, al programma FENOMENI con Piero Chiambretti.

In prima serata su Rete 4, Edoardo Raspelli ha condotto nel 2006 il numero unico del quiz giallo PSYCO (con Remo Girone).

Nel 2008 ha condotto in prima serata su Rete 4 ATTENTI AL LUPO, programma di cronaca.

 

Per 614 puntate ha condotto Melaverde, il settimanale della domenica a mezzogiorno, prima su Rete 4 e poi Canale 5 ,ancora oggi in replica alle 11 della domenica.

Ha condotto la prima edizione (tra l’altro anche su Canale Europa) de “L’ITALIA CHE MI PIACE…IN VIAGGIO CON RASPELLI, prodotto dal celebre paroliere Fabrizio Berlincioni (vincitore di 2 Festival di Sanremo). Ne ha cantato la sigla finale (La nonna e la frittata) con lo chef Gianfranco Vissani.

E’ in registrazione l’edizione numero 2 che andrà in onda anche su AlmaTv (recente unione di AliceTV e MarcoPoloTV).

 

Ha partecipato come attore ai film “Asfalto rosso” e, come protagonista, a “Riso amore a fantasia” (entrambi diretti da Ettore Pasculli).

Dopo il ruolo in uno dei celebri spot con il gorilla del Crodino, ha interpretato il re di Francia Luigi 14° (il Re Sole) nel filmato per Madama Oliva. Sulle reti Mediaset, in dieci giorni, ha avuto 50 milioni di visualizzazioni.








  Altre in "Società"