Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 01 luglio 2022    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

07 Aprile 2022
Al Trianon Viviani, l’ Ossessione napoletana di Maria de Medeiros e Mauro Gioia
di Stefania Castella



Al Trianon Viviani, l’ Ossessione napoletana di Maria de Medeiros e Mauro Gioia
Ossessione napoletana

 

Lo spettacolo in prima assoluta con la star portoghese, al suo debutto nella regia in Italia

 

Venerdì 8 aprile, ore 21

Dopo il grande successo di Noa, un’altra artista internazionale salirà sul palcoscenico del Trianon Viviani: Maria de Medeiros, l’attrice e cantante portoghese, nota in particolare per la partecipazione al cast stellare di Pulp fiction di Quentin Tarantino, premiata con la coppa Volpi alla Mostra del cinema di Venezia, e la sua interpretazione di Eleonora Fonseca Pimentel nel film di Antonietta De Lillo Il resto di niente.

Venerdì 8 aprile, alle 21, Maria de Medeiros e Mauro Gioia daranno vita alla prima assoluta di “Ossessione napoletana”.

Lo spettacolo musicale, scritto dagli stessi due artisti, segna anche il debutto italiano alla regia dell’attrice, regista e cantante portoghese, nonché il suo ritorno sulle scene nazionali.

lo spettacolo

 

Che ci fa una star internazionale nello studio polveroso di una televisione privata napoletana? Lei è una diva del cinema, lui il sostituto di uno storico presentatore locale. Il loro incontro, per un’intervista quasi impossibile nella trasmissione cult Ossessione napoletana, segna il ritorno dell’attrice a Napoli, città nella quale ha lasciato trascorsi e passioni.

Lei è l’attrice, cantante e regista Maria de Medeiros; lui il cantante e attore Mauro Gioia. Insieme danno vita a uno spettacolo spiazzante, nel quale i ruoli vengono sovvertiti e dove persino il pianista, Giuseppe Burgarella, ha molto da dire.

Tra domande irriverenti, che mettono a confronto il maschile e il femminile, lo spettacolo si dipana tra testi di Susan Sontag e James Joyce, e canzoni, con classici napoletane e brani di Chico Buarque, Clementino e della stessa de Medeiros.

Lo spettacolo è prodotto dal Trianon Viviani in accordo con Hetzel Productions Paris. Il visual è di Giovanni Ambrosio.

le canzoni

·      Reginella (Libero Bovio – Gaetano Lama)

 

·      Anos dourados (Chico Buarque)

 

·      Diz que è Fado (Maria de Medeiros)

 

·      Mais qui es tu? (Maria de Medeiros)

 

·      Vera signora (Fabio Mauri – Fiorenzo Carpi)

 

·      Agata (Gigi Pisano – Giuseppe Cioffi)

 

·      Mi butto (Alberto Moravia – Gino Marinuzzi jr)

 

·      Passione (Libero Bovio – Ernesto Tagliaferri – Nicola Valente)

 

·      Should I stay or should I go (The Clash)

 

·      Vuelvo al Sur (Fernando Solanas – Astor Piazzolla)

 

·      Made in Napoly (Clementino – Nicola Iadicicco [“Desideri”], Giovanni Renzi, Marco Trovato)


Video   






  Altre in "Teatro"