Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 01 luglio 2022    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

31 Marzo 2022
Tenimmece Accussì. Riflessioni al femminile e non solo al Tearto Trastevere
di Stefania Castella



Tenimmece Accussì. Riflessioni al femminile e non solo al Tearto Trastevere
Tenimmece Accussì.Teatro Trastevere

In scena una donna in costume da bagno, seduta ad un tavolino in plastica sovrastato da un ombrellone, presso un lido in spiaggia. Sorseggia un bicchiere di latte di mandorla mentre sfoglia un giornale di pettegolezzi in completo relax, poco più lontano arrivano ovattate canzoni tradizionali napoletane, che il rozzo proprietario del lido ama trasmettere a getto continuo dal suo stereo. L’atmosfera non è certo quella di una spiaggia di gran lusso, ma di un luogo che arranca accontentandosi di un turismo a zero pretese. In questa cornice, familiare per certi versi in molte spiagge italiane di seconda categoria, la protagonista si muove e si produce in una riflessione sul senso minimo della vita, a partire dal saper fare un latte di mandorla per esaltarne le qualità e il gusto sublime, fino a lambire un certo senso di beata rassegnazione circa un corpo che ha oltrepassato l’età della giovinezza e perde tono col trascorrere del tempo. Il culmine della digressione si raggiungerà con un imbarazzante contrattempo: ha un seno scoperto, ma lei non se ne accorgerà finché un uomo, passando accanto a lei glielo farà notare. Da questo momento in poi, per coprire un evidente imbarazzo, la protagonista si ergerà in un crescendo arguto e aggressivo, che spaventerà l’uomo facendolo fuggire e ci consegnerà una donna abbandonata senza freni inibitori alle emozioni inaspettate che scaturiscono dai piccoli avvenimenti della vita quotidiana.

 

…Quella che viene fuori è una riflessione sull’universo femminile, ma non solo. Ce n’è anche per il rapporto con gli altri, con se stessi, con certe illusioni che ognuno ha quando deve fare i conti con se stesso e con l’immagine che dà a chi gli sta intorno… Mario Massaro diverte e si diverte nei panni di una donna che sulla spiaggia cerca attenzioni e rivela lati del suo carattere che spiegano perché di attenzioni ce ne siano, in realtà, davvero poche… Riflette aiutata dalla voce della sua coscienza, con la quale il dialogo è decisamente divertente… cit. Il Quotidiano del Sud

 

Associazione Culturale Teatro Trastevere

presenta lo spettacolo EVENTO DATA UNICA

Venerdì 22 aprile ore 21

TENIMMOCE ACCUSSÌ

scritto e diretto da Elisa Ianni Palarchio

con Mario Massaro

costumi Antonella Carbone

direzione tecnica Matteo Costabile

tecnico audio Lorenzo Vommaro

voice off Renato Costabile

sonorizzazioni Antonio Arena

Una Produzione Porta Cenere

Compagnia riconosciuta dal Ministero della Cultura - FUS 2021 - per l'innovazione e il teatro per l'infanzia e la gioventù

Compagnia riconosciuta dalla Regione Calabria per la Produzione Teatrale 2021

Teatro Trastevere Il Posto delle Idee

via Jacopa de' Settesoli 3, 00153 Roma

Venerdì 22 aprile ore 21

CONSIGLIATA PRENOTAZIONE

biglietti interi 12 - ridotti 10 (prevista tessera associativa)

Contatti: 065814004

info@teatrotrastevere.it

www.teatrotrastevere.it

 

https://www.facebook.com/teatrotrastevere/








  Altre in "Teatro"