Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 27 maggio 2022    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàFrancesco Pisani

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

23 Ottobre 2019
ginevra motor show 2019
di Francesco Pisani



ginevra motor show 2019
bugatti vn

Come tutti gli anni ai primi di marzo si svolge il salone dell’auto di Ginevra. E noi non potevamo mancare come da tradizione.

Come da 3 anni a questa parte non possiamo che constatare il continuo aumento del mondo dell’elettrico.  Declinato poi in tutte le sue varianti da ciascun costruttore. Chi segue la strada dell’ibrido chi invece si butta verso il cosiddetto full hybrid. Sta di fatto che a parte pochi costruttori tra cui il gruppo FCA, in grande ritardo rispetto agli altri, ormai in gamma le auto ibride sono una costante.

Inutile citare Toyota che di questo mondo si è fatta porta bandiera ormai da molti anni. E con lei tutti i gruppi orientali in genere. Ma chi ha segnato quest’anno una decisa virata verso l’elettrico è soprattutto la compagine tedesca. Parliamo dell’universo Audi-VW ma anche di BMW e Mercedes. Tutti infatti hanno presentato proposte ibride o completamente elettriche. Le più accattivanti ci sono sembrate quelle dei SUV. In particolare Audi e-tron e Mercedes EQC sono apparse molto complete e davvero interessanti viste le percorrenze degne di nota, siamo nell’ordine dei 400 km circa. Dopo un test svolto in queste settimane possiamo dirvi che entrambe le vetture sono sorprendenti per le doti di accelerazione e ripresa. Paragonabili se non migliori a quelle di sportive al top come ad esempio Porsche GT2. Considerate che l’accelerazione è talmente vigorosa e immediata che spesso i passeggeri patiscono un simile impatto. Da mal di stomaco insomma ma tutto nel perfetto silenzio!

Grande impatto hanno avuto i modelli del gruppo Volvo che continua con la suo marchio polster a spingere su questo fronte. Le auto appaiono belle e discrete nella realizzazione.

Ma torniamo al mondo delle auto vere, cioè quelle con motore termico. E partiamo dal top: il marchio Bugatti. Questo brand che, lo ricordiamo, fa parte da anni del gruppo VW-Audi, ha saputo stupire quest’anno portando a Ginevra una one-off, si chiamano così le vetture prodotte in un unico esemplare, davvero incredibile. Parliamo della voiture noire. Che come dice il nome appunto è una spendida creazione in colore nero. La vedete nella foto in cima a questo articolo. Stessa meccanica a 16 cilindri della chiron ma carrozzeria ispirata ad un modello iconico del passato, la tipo 57sc. Siamo davanti alla vettura più costosa mai prodotta al mondo. Si parla di 11 milioni di euro netto tasse! Se vi state chiedendo chi è il fortunato proprietario, beh al momento si sono fatti i nomi di CR7 ma anche del ex presidente del gruppo VW Piech. Chissà. Sta di fatto che questa auto girerà il mondo per far bella mostra di sé.

Anche i gruppi francesi Renault e PSA non sono stati a guardare. Infatti non mancavano le novità interessanti come la piccola di casa Paugeot e come la nuova Clio. Anch’esse avranno una versione elettrica e ibrida.

Da appassionati rimaniamo perplessi di fronte a questo percorso che il mondo dell’auto ha preso ma ormai tanto vale rassegnarsi. Sempre meno termico e sempre più elettrico. Chi può si metta in garage un bolide! Prima che sia troppo tardi.








  Altre in "Società"